A quarant’anni dalla morte, una mostra fotografica per ricordare Eugenio Montale

7Anna Maria Guglielmino, docente del corso di "Gruppo Fotografe di Fotografia Digitale" svolto all'Unirte di Bogliasco si è posto la domanda:" È possibile raccontare con una immagine l'emozione di un verso poetico?". E la risposta è nel progetto «Lo sguardo del poeta, un gioco tra poesia e immagini», Una mostra fotografica, dedicata a Eugenio Montale nel 125° anniversario della nascita e nel quarto decennio dalla scomparsa. L'esposizione è stata inaugurata il giorno 9 settembre al Galata Museo del Mare di Genova e proseguirà fino al 26 settembre. Sarà proiettato il video «Lo sguardo del Poeta»>, realizzato dalla Fondazione Mario Novaro. Tra gli ospiti all'inaugurazione erano presenti anche Bianca Montale nipote del Premio Nobel, Maria Paola Morando presidente UNITRE di Bogliasco.
In visione 31 fotografie di grande formato, disposte in ordine cronologico secondo l'anno di pubblicazione delle raccolte da cui i versi sono tratti. Sono opera delle quattordici allieve del corso Unitre. Alcune hanno suggerito l'accostamento poesie-foto, tra immagini e versi. Precisa Guglielmino: «Abbiamo cercato di interpretare con i nostri obbiettivi lo sguardo del poeta sulla Liguria e sul mare».
Con lei, le autrici sono Franca Acerenza, Teresa Calamia, Tina Castrignanò, Daria Dellepiane, Gabriella Gol teni, Adriana lotti, Paola Mansuino, Frida Marchi, Annamaria Nicosia, Laura Percivale, Franca Rossi, Titta Simi, Anna Maria Sorarù. Sono esposti anche pannelli che riportano un commento a firma di Maria Paola Morando, presidente di Unitre Bogliasco Golfo Paradiso, e la riproduzione del manoscritto di "Meriggiare pallido e assorto"